Recensioni

sabato 9 aprile 2016

Recensione del libro "Il nono cielo" di Elisa Vangelisti





Titolo: Il nono cielo #2
Serie: “Il Ragno e l'Iguana”
Autore: Elisa Vangelisti
Editore: self publishing
Pagine: 406
Prezzo cartaceo: 18,00 €
Prezzo ebook: 2,99 €
Data pubblicazione: 1 Gennaio 2013




Saga de “Il Ragno e l’Iguana” di Elisa Vangelisti:
– Il Ragno e l’Iguana
– Il nono cielo
– Un posto dove andare
– L’amore non muore mai




TRAMA:
In questo romanzo ritroviamo il vampiro protagonista de “Il Ragno e l’Iguana”, Gabriel, insieme all’umana compagna del padre Alexander. Maja, dieci anni prima, lavora come croupier nel casinò del Bellagio di Las Vegas ed è reduce da una terribile vicenda personale.
Quello di Gabriel e Maja è un incontro strano, con conseguenze tali da determinare gli eventi di cui si è già letto nel primo libro della saga.
È anche un racconto di viaggi, reali e interiori. È il racconto di una donna che ricostruisce la sua vita dal nulla.

(…) Il deserto era magnifico. I rami spogli e secchi delle piante trascinate dal vento sembravano disegni d’argento sulla nuda sabbia bruna. Le gole che si aprivano all’improvviso oltre le montagne a strati variopinti mostravano acqua e vita, nonostante l’arsura, quasi come stessi guardando me e non il paesaggio. Quasi come se il deserto volesse dirmi: vedi, nessuno è veramente privo di vita fintanto che esiste. (…)


RECENSIONE:
Il nono cielo” è a tutti gli effetti il prequel del primo libro della saga de “Il Ragno e l'Iguana”. In questo volume, infatti, l'autrice racconta le vicende avvenute dieci anni prima degli avvenimenti narrati nel primo libro.
E' in questo secondo libro che l'autrice Elisa Vangelisti ci narra l'incontro tra Maja e Gabriel e successivamente tra Maja e Alexander.
Maja è una donna profondamente toccata dal dolore. Nella sua vita è avvenuto, infatti, un terribile lutto: ella ha perso il figlioletto di soli 4 mesi di vita a causa della cosiddetta “morte in culla”.
Questo grandissimo dolore l'ha segnata per sempre, trasformandola in una persona priva di prospettive future, fredda e indifferente a tutto ciò che le accade intorno.
Una sera però, presso il locale dove lavora come croupier, avviene un incontro molto importante per la vita di Maja: quello col giovane affascinante Gabriel.
Ben presto Maja rimane molto coinvolta da Gabriel e il suo “gelo” inizia a sciogliersi. Nel suo corpo si risvegliano immediatamente tutti i sensi e la sua mente inizia ad aprirsi alla prospettiva di una relazione.
Gabriel è sensuale e la riempie di attenzioni, ma la sua natura è molto particolare: egli è infatti un vampiro.
Il giovane è molto innamorato e non vuole perdere Maja che, nonostante sia molto presa, non riesce comunque a ricambiare gli stessi sentimenti.
Un giorno Gabriel la conduce nella sua dimora per conoscere il padre Alexander.
Maja rimane folgorata da questo incontro e ben presto si rende palese la forte attrazione tra lei e il padre di Gabriel.
Anche Alexander è un vampiro e Maja subisce il fascino di entrambi gli uomini sino ad acconsentire per un breve tempo ad un ménage à trois.
Però i sentimenti che Maja prova per Alexander sono più forti, così Gabriel si farà da parte senza nessuna scenata di gelosia e senza nessun rancore, nonostante ami Maja profondamente.
La scelta per Maja sarà molto difficile, ma infine prevarranno i suoi veri sentimenti.

Il nono cielo” non è a mio avviso un vero e proprio fantasy, infatti, nonostante ci siano molti elementi di questo genere (i vampiri con il loro fascino e le loro stranezze), la storia narrata sembra avvicinarsi di più al genere romance.
Gli elementi romantici sono molto espliciti e predominanti, non c'è azione e non ci sono colpi di scena. La sensualità che si percepisce ad ogni pagina è sempre raffinata e mai trascende verso toni volgari o troppo espliciti.

Il libro è narrato tutto in prima persona da Maja, ma al capitolo venticinquesimo il lettore si trova dinanzi una scelta stilistica molto particolare: la stessa scena viene narrata da tre punti di vista diversi da Maja, da Gabriel e da Alexander.
La scelta di questo triplice punto di vista rende la narrazione un po' più vivace e permette di conoscere più a fondo i pensieri più intimi dei tre protagonisti.

In generale il testo è scritto abbastanza bene, anche se certe scene e certi periodi sembrano ripetersi più volte nell'arco dell'intera narrazione.
Lo stile dell'autrice è semplice e scorrevole e la lettura del libro avviene in poche ore.
Oltre ai tre personaggi principali vi sono anche altri personaggi parimenti interessanti che rendono la storia più varia e meno ripetitiva.
Complessivamente il romanzo è piacevole, anche se lo consiglio esclusivamente a coloro che apprezzano maggiormente il genere romance.
Di molto positivo c'è anche il fatto che il libro è praticamente “autoconclusivo” e quindi può essere letto senza problemi anche da chi non conosce i contenuti degli altri libri della saga.



Buone letture!


Luce



8 commenti:

  1. Non sono una grande amante del romance, però i vampiri mi piacciono molto ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se leggi questo libro vorrei conoscere il tuo parere.

      Elimina
  2. ciao Luce, grazie per la recensione positiva! me l'ha segnalata un'amica e ne approfitto solo per fare una precisazione. purtroppo spesso i miei romanzi sono inseriti nella categoria fantasy. in realtà il fantasy ha un miliardo di sottogeneri, quindi capita che il lettore sia tratto in errore. scrivo paranormal romance, che sono uno di questi sottogeneri del fantasy, ovvero - come tu ben saprai - romanzi privi in parte o quasi del tutto di azione e intrisi di romance e paranormale. non per niente sono cresciuta leggendo la Woodiwiss, che era una famosissima scrittrice americana di romance storici, e più di recente ho scoperto la Balogh. qualche anno fa ho scoperto che leggere il lato paranormale (vampiri, sensitive, ibridi, demoni...) unito al romance mi piaceva moltissimo e così ho iniziato a scriverne. al momento sono una fan di J.R.Ward e della Leigh. per le italiane consiglio Irma Panova Maino e le indipendenti Keller (due ragazze italianissime che stanno uscendo singolarmente con la Newton Compton per il genere romance).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego! Grazie per la precisazione, è stata una buona occasione per conoscere qualcosa di te, i tuoi gusti e le tue letture preferite. Nel libro l'elemento dominante è il romance per questo l'ho consigliato agli amanti di questo genere, gli elementi fantasy o paranormal come dir si voglia purtroppo sono veramente pochi.

      Elimina
  3. A me piacciono molto i romance ed apprezzo molto i paranormal romance. Anche se non c'è azione e non ci sono colpi di scena lo leggerei volentieri.
    Bella recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ^_^ Sono contenta che ti sia piaciuta la recensione e che il libro ti attiri ^_^

      Elimina
  4. bella recensione ho letto il primo della saga e ne sono rimasta entusiasta spero di poter leggere questo il prima possibile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto curiosa di conoscere il tuo parere! Appena lo leggi fammi sapere :)

      Elimina